MB

Avevamo contatti per lavoro. Un cliente in comune.
Ci siamo incontrati cosi, per lavoro.
Ci siamo baciati sul piazzale della funivia la prima sera che ci siamo conosciuti, dopo una bella cena e ore di chiacchere.
Un uomo di una semplicita’ e onesta disarmanti. Con una gran voglia di vivere e un rispetto per la vita per se stessi e per gli altri che dovrebbe essere clonato.
Un tipo anche strano. Se gli viene in mente una csa lui la fa. Sua moglie racconta che si alzava di notte e non lo trovava a letto e lui ? Era all’aereoporto a guardare gli aerei partire. Capisci , dira’ lui anni dopo, quanto ci amavamo e perche’ non poteva piu funzionare.
Stanco della vita da scrivania e regia di emissione io scriverei trova il coraggio di lui semplicemente decide di cambiare e va a vivere in campagna a fare il contadino. Finiti i pochi soldi che aveva fa lavori free lance , poi si dedica ai cavalli. Vivo una volta sola ci mancherebbe altro che mi limito a sopravvivere facendo una vita che non mi piace. Le ultime notizie lo davano un po’ con i cavalli e un po’ con la telecamera in mano. Ci vedevamo praticamente quando c’era lo scambio del materiale del cliente, ci sentivamo ogni tanto. Usciva da casa mia la notte dicendo ci sentiamo domani, il domani di quale giorno non era pero’ specificato. Passava un mese senza sentirci e poi quando accadeva era come se fosse stata la mattina del giorno dopo.
Capace di stupirmi con sms ad effetto “e’ un mese che giro per l’australia adesso sono a sidney e continuo a pensare a te in ogni cosa che sto vivendo”, o di farmi uno dei regali piu’ apprezzati , un quadro con tecniche particolari raffigurante una rana “l’ho fatto fare apposta per te questo artista non disegna mai cose reali ma e’ un amico ” (per caso verro’ poi a sapere di tener buona cura di quel quadro che un giorno potrei anche rimanere li a bocca aperta)  e di serate indimenticabili come quando abbiamo fatto l’amore sul lungolago a Varenna (ecco si se qualcuno ci ha visti eravamo noi!) alle due di notte o di quella sera in cui grazie anche ai vari litri di buon rosso abbiam sviscerato punti delle nostre vite che neanche il piu’ bravo degli psicologi ci arrivava su! Oh mamma mia e quando mi ha chiamato dal teatro Smeraldo e mi ha detto preparati che passo a prenderti e ti porto a cena con Raffaele Paganini (avevo visto qualche giorno prima il musical Sette spose per sette fratelli e ero pazzamente invaghita di lui!) . Conosce barboni della stazione , poeti (oh ma la voce che sento li sotto io la conosco l’ho gia’ sentita sei con chi? son qui al bar con Alda Merini) artisti e gente qualunque come me e quando si siede a tavola ha di che scambiare  con tutti loro e tutto con grande semplicita’.
E’ un uomo completamente inaffidabile ma nel tempo stesso uno degli uomini piu’ concreti che io abbia conosciuto. Le due cose insieme cozzano un po’ ma lui e’ un mix di entrambi in equilibrio. Siamo andati anche molto vicini a una convivenza senza neanche avere un legame stabile  … appunto inaffidabile e concreto insieme! Stavamo veramente bene insieme da amici da amanti da colleghi da buontemponi, sara’ che anche lui si era incastrato in uno di quei periodi della mia vita che quando mi giro indietro e ci ripenso sospiro e dico : ahpero’ che bei tempi son stati anche quelli!
Alla domanda spontanea che mi e’ nata ai tempi pensandoci seriamente e che magari e’ venuta in mente anche a chi legge la risposta e’ questa :

-Potrebbe essere l’uomo della tua vita?
-Certo. Se la vita durasse quindici giorni.

MBultima modifica: 2007-05-11T14:50:00+02:00da matraca
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “MB

  1. Potrebbe essere l’uomo della tua vita.
    Ma anche no.

    [Tutto suona assurdo e assurde forse sono le cose migliori o il modo in cui dobbiamo viverle per non restare fregati – Grazia Verasani, Velocemente da nessuna parte]

  2. E’ un uomo da amare … :o) e non c’è molto da aggiungere! E quando ne ami uno così, è straordinario essere la donna amata da un uomo così … besi!!!

  3. stavo scrivendo che sono 12 anni che lavoro qui e che non e’ mai passato uno interessante… ma poi mi sono ricordata (!) che l’uomo con cui vivo da 7 anni l’ho conosciuto al lavoro e che anche quell’essere senza cervello per cui io ho invece perso la testa l’ho conosciuto sempre qui!!! della serie: come farsi piacere il lavoro….

  4. Vai tranquilla Simona, il più grande amore della mia vita l’ho conosciuto a lavorare e mi lavora ancora al piano di sopra (anche se non è più il grande amore della mia vita) (cioè speriamo ne venga un altro ancora più grande, ecco cosa volevo dire).

I commenti sono chiusi.