Punto della situazione

Sono passate quattro settimane e mezza dall’inizio della scuola.
Non l’ho fatta entrare in ritardo nessuna mattina e tutti i giorni mi sono ricordata di darle merenda acqua e il buono pasto.
Non abbiamo mai dimenticato a casa un libro, abbiamo sempre fatto i compiti per tempo, abbiamo imparato a memoria la poesia e su tutte le pagine del quaderno spiccano in rosso i bene i brava i molto brava.
Dopo la prima settimana di scuola il pastello piu’ consumato era il bianco. Ho preferito non chiedere il perche’ per non farmi paranoie da mamma (il bianco…che mai ci sara’ da colorare di bianco?!?!?!) . Abbiamo usato un tubetto di colla alla settimana e i pastelli e le matite sono tutti temperati testa e coda, chiaro segno che il temperino nuovo funziona bene.
Abbiamo fatto il contratto formativo e espresso anche per questo anno scolastico il desiderio (lei di fare una gita per vedere gli animali io di aiutare i bambini ad abbellire la classe).
Sara e’ contentissima spensierata felice con una gran sete di scoprire e imparare tutte queste cose nuove e colorate e ha iniziato a raccontare anche a casa il suo stupore.
Io sono orgogliosa delle sue a in corsivo (che obiettivamente sono orrende) mi son scese le lacrime quando mi ha recitato a memoria la poesia che aveva di compito e quando sabato ha chiesto a me e Massi di sederci sul divano che lei ci avrebbe letto un libro di  Giulio Coniglio , e cosi ha fatto, mi stavo per sciogliere dall’emozione…la mia bambina che ci legge un libro.

E naturalmente tutte le mattine – tutte – usciamo di casa lei arriva a meta’ scala io sono ancora sulla porta lei si gira e dice ah si mamma lo zaino e torna indietro a riprenderlo. Tutte-le-mattine.   

Punto della situazioneultima modifica: 2010-10-20T09:45:04+02:00da matraca
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Punto della situazione

  1. Uhhhhhuuuuuuuuu, come mi fa piacere leggere il tuo resoconto.
    Per quanto riguarda il mio Nano, la situazione è questa.
    Con le matite e la colla siamo messi uguali a voi.
    Noi abbiamo dimenticato di studiare inglese (vedi post apposito di senso di colpa http://kriegio.blogspot.com/2010/10/ho-fatto-na-cata.html).
    Ma scrive già le lettere in corsivo? Noi solo orrende lettere in stampatello maiuscolo. Poesie: nessuna. Leggere: qualche sillaba per volta.
    Lo zaino al mattino lo prende, ma in compenso lo dimentica in classe, ogni 2×3.
    Ok, ho capito dov’è il punto: il mio è maschio!!!!!
    Ahahahah
    Kriegio

Lascia un commento